Carbonara…vegetariana!

Ho sempre pensato che la Carbonara è sacra! Non è una ricetta che si può modificare con i gusti personali, non si può alterare…no, la carbonara è una e una sola!

E lei è l’unica, quella vera… ma, se partissimo dall’idea di fondo per creare varianti, ricette completamente nuove, diverse, un pò come il Risotto alla carbonara ?

E via alle varianti più bizzarre, tra le varie ricette che si trovano in giro ce ne sono alcune davvero interessanti e altre diciamo…un pò meno! 😀

image5-1

Nel mio ultimo viaggio a Parma ho avuto l’occasione di fare un corso di cucina con lo chef Paolo Cinquanta.

Avevo praticamente costretto mio marito a partecipare, ma diciamo che mentre lui passava più tempo al telefono io ne approfittavo per un corso di cucina tête-à-tête! 

Un corso di cucina tutto per me… vi potete immaginare quante domande ho potuto fare a quel povero uomo! E se… E invece… E lei che ne pensa di…

Beh il corso doveva durare 3 ore e invece, all’ora di cena eravamo ancora li… lui ama insegnare ai giovani, io amo imparare dagli chef di una volta, quelli che ti insegnano i veri trucchi dei fornelli, un pò come se stessi imparando da una nonna, si ma da una nonna chef! 😉 image4

Tra le ricettine a base di verdure di quel corso c’era la sua versione della Carbonara vegetariana e da quel momento è scattato qualcosa… si, mio marito ha messo giù il telefono ed ha iniziato a mangiare! 😛

Semplice, veloce e gustosissima!

In una padella a freddo olio e zucchine tagliate a brunoise.

Parentesi, abbiamo fatto praticamente un mini corso nel corso…tutto sui tagli! E io che credevo di conoscerne già abbastanza… 😀

image2-2

Non appena saranno ben rosolate aggiungere i pomodori secchi. (anche se noi purtroppo abbiamo dovuto utilizzare i pomodorini freschi)

image1-5

In una scodellina a parte sbattere un uovo con sale, pepe, parmigiano reggiano e acqua frizzante.

Far saltare le pappardelle nella padella con le zucchine e aggiungere lo sbattuto di uovo.

Far rosolare in padella appena per far cucinare l’uovo e voilà pronta da servire!

image3-2

Provate e fatemi sapere!

 

Annunci

Problema Albero di Natale risolto…

Se siete tra quelli che almeno una volta hanno pensato: ” E ora dove lo metto l’albero di Natale?” allora questo è l’articolo che fa per voi!

Tante più persone devono rinunciare all’Albero di Natale non potendosi più permettere le grandi case di una volta con spazio a sufficienza per mettere gli “ingombranti”, ma pur sempre indispensabili abeti (veri o finti che siano)…

Rinunciarvi però significherebbe rinunciare anche ad una parte di noi, al bambino che è in noi, all’emozione del Natale, a quella di scartarvi ai suoi piedi i regali, alle luci colorate, alle palline e ai pupazzetti comprati in giro come souvenir o conservati con cura come ricordo dell’infanzia o di una nonna o di una zia…

Insomma non c’è Natale, quello vero, emozionante e magico senza l’albero di Natale, o almeno una sua rappresentazione e/o alternativa!

Quindi evviva la creatività di quelle persone che si sono ingegnate ed hanno condiviso con noi le loro idee e le loro alternative salva spazio, ridonandoci il giusto spirito per poter dire con orgoglio: “Ecco a voi il mio Albero!”

Quindi ben venga una parete libera, quella giusta dose di “fai da te” che ormai spopola in rete come DIY (do it yourself) e una rispolverata a tutte le vostre vecchie luci e palline dimenticate ormai nell’armadio!

E guardate un pò che risultati potete ottenere:

Non avete una parete libera da dedicare? Ok abbiamo pensato anche a voi e non mi dite che non avete nemmeno una porta… giusto???

Ecco le soluzioni che potrebbero fare per voi!

E se ancora non vi ho convinto, vi dico anche che esistono tantissime altre alternative, come ad esempio gli adesivi da muro, i vasi da riempire, le lavagne da disegnare, i mini alberi da tavolo, le scale addobbate, i libri o i cuscini a piramide e persino gli alberelli di biscotti…

Insomma, cosa non si fa per conservare una delle poche splendide tradizioni che ci accomunano e che ci strappano un sorriso al mattino appena svegli e uno la sera prima di andare a dormire!

Cosa chiedere di più?

Buon inizio preparativi natalizi!

 

Halloween mood: se non trovi le zucche usa le arance!

Le zucche… il problema di Halloween è risolto! 😀unnamed (3)

C’è chi non le trova, chi non riesce a scavarle in modo semplice per via della buccia troppo dura da tagliare e chi semplicemente vuole utilizzare direttamente ciò che ha in casa…

e chi non ha in casa un’arancia o un mandarino, specie in questo periodo dell’anno?! 🙂

E da qui l’idea, l’arancione c’è, la forma anche e quindi perchè non sfruttare il tutto a nostro vantaggio per dare un tocco di originalità alla vostra casa per la festa di Halloween, per la cena che avete organizzato con i vostri amici o per divertire i vostri bambini, mentre si travestono da “orribili” e tenerissimi mostri?

Le mie creazioni sono un pò cattive…

unnamed

ma vi lascio anche altre idee trovate online per tutti i gusti!

8f6ad292638217ec5ab285e64243938ca7f27b8a542015ce913ee051a140147359e8f2b1dd7d4e7a4782b9c01342b747unnamed (2) unnamed (1)

With love!

Vellutata di broccoli, pancetta e pecorino

unnamed

Ingredienti:
un mazzo grande di broccoli

1 vaschetta di pancetta affumicata in dadini

pecorino q.b.

500 ml di latte

2 fettine di pane in cassetta

1/2 scalogno

sale, pepe, olio, aceto balsamico e prezzemolo q.b.

 

Procedimento:

Dividete il mazzo di broccoli in cimette e mettetele a bollire in abbondante acqua salata.

unnamed (1)Nel frattempo, dedicatevi al soffritto di scalogno, una volta cotto toglietelo e nello stesso olio saltate i dadini di pancetta.

Una volta pronti, scolateli in un pò di carta da cucina per eliminare l’olio in eccesso e metteteli da parte per guarnire il piatto successivamente.

Fate saltare nell’olio rimasto i broccoli già lessati e aggiungete sale e pepe q.b.

A metà cottura aggiungere il latte e riducete in vellutata il tutto con il frullatore ad immersione.

Continuate la cottura a fuoco lento per circa 15/20 minuti.

Tagliate il pane in cassetta in striscioline, condite con olio e aceto balsamico e infornate fino a doratura.

Impiattamento:

unnamed (2)

Avete mille opzioni per impiattare la vostra vellutata e dedicarle una foto per il vostro album di cucina…

Ecco la mia versione:

Versate la vellutata in un’apposita ciotola, creare una prima riga con la pancetta e poi una seconda con il pecorino, un giro di olio e guarnite con due striscioline di pane abbrustolito e una fogliolina di prezzemolo.

 

 

E vi lascio come sempre con le altre idee rubate sul web per avere delle alternative:

607fc71e19a4e2deaf8632d90617eb6a e9d9cdb3e784bf6524faf3d8e0bac946dd4ec17ecd908c53ba9bd116948551cb d594b8776d299dfa4dc49996912c3dca 99638adea7ce05e173426d0803bf324f2355e227f0816892cf34999704c37320

With love!

Food on a stick : idea per un antipasto splendido e delizioso!

Patatine, noccioline e cose simili sono banditi dalla mia cucina quando si tratta di ospiti… quindi…

cosa mi invento questa volta come antipasto?

Il “food on a stick” fa sempre scena, ma se oltre ad essere carino è anche delizioso? e se rivisitassimo un abbinamento classico della cucina romana come il prosciutto e fichi?! 😀

image2 (1)

Un’idea semplice e velocissima e un abbinamento che arricchisce la tradizione senza stravolgerla completamente.

Prendete degli stecchini da cucina e abbinate nell’ordine che preferite questi ingredienti:

  • Prosciutto crudo
  • Fichi ( approfittate finchè si trovano ancora i “settembrini” che sono dolcissimi!)
  • Mozzarelline
  • Basilico fresco

Quando avrete scelto l’ordine preparate i vostri stecchini e scegliete il piatto dove servirli.

image1 (3)

Conservateli in frigorifero fino all’arrivo degli ospiti e poco prima di servirli, date un ultimo tocco con dell’aceto balsamico, magari come il mio, aromatizzato al miele…squisito! 😉

Alla prossima!

With love

J.

Quando la lasagna diventa gourmet!

Cena per 8 persone, quindi tutti i miei cognati con le rispettive mogli a casa nostra e tocca decidere il menù…

Qualcosa di non troppo pesante perchè è estate e fa caldo, qualcosa di non troppo particolare perchè non puoi azzeccare i gusti di tutti e qualcosa di non troppo classico perchè altrimenti mi demoralizzo subito…

Idea… perchè non rendere più appetitoso, anche solo per la vista, il classico piatto italiano? Ci sto! Lasagna sia… ma ovviamente in chiave gourmet! 😉mom-was-always-right-usually-happy-mothers-da-L-5olLZF

E mi viene in mente un articolo letto un pò di tempo fa su tutti i piatti che si potevano preparare nel classico stampo per muffin… perchè no? utilizziamolo anche per la lasagna e vediamo cosa esce fuori!

E qui devo fare un appunto… Santa Mamma che ne sa una più del diavolo! Appena sente la mia idea mi propone di fare una prova il giorno prima, perchè io ero davvero convinta bastasse una spennellata di olio e/o farina nello stampo per non far attaccare, mentre lei insisteva per la carta da forno! Beh, fortunatamente sono testarda ma abbastanza previdente per accettare la proposta e ne preparo due al volo il giorno prima della cena. Il risultato è abbastanza ovvio non credete? Le ho già detto che aveva ragione lei, non fatemelo ripetere ancora… 😀

Preparo la besciamella e il ragù e inizio a tagliare quadratini di carta da forno e di sfogliavelo Giovanni Rana http://www.rana.it/it/prodotto/elenco/fogli-per-lasagna/

IMG_0282

IMG_0260

Inizio quindi a comporre le mini lasagnette come avrei fatto in quella tradizionale: Carta da forno, sfogliavelo, salsa di pomodoro, besciamella e poi si ricomincia con il secondo strato da terminare con una bella spolverata di Parmigiano Reggiano http://www.giansantidimuzio.it.

A questo punto sono pronte per essere infornate e la notizia più bella di questa preparazione è che basteranno 15/20 minuti di forno, quindi potete tranquillamente infornarle quando inizierete a mangiare l’antipasto! 😉

unnamed (1)

Che ve ne pare? Non sono deliziose?

unnamedIMG_0261

Bon appetit!

Julia

Oreo Cheesecake

Non credo abbia bisogno di presentazioni il biscotto più venduto al mondo…

Oreo-image-oreo-36701976-900-600

Ebbene si, sembra sia addirittura il prodotto alimentare più venduto al mondo dopo il Big Mac del McDonald’s! Cosa che ha sorpreso anche me, ma non per il biscotto Oreo, piuttosto per il Big Mac… incredibile! :O

Il primo Oreo è stato preparato nel 1912 a New York e da quel momento non abbiamo più smesso di sentirne parlare e di gustarlo nelle varie oreopresentazioni create negli anni cercando di ottenere finalmente la perfezione.

Per essere perfetto infatti la casa produttrice Nabisco, sempre del gruppo Kraft, ha stabilito un’esatta proporzione tra biscotto al cioccolato e crema, rispettivamente 71% e 29%.6a00e008c9959888340167638f4761970b-500wi

E pensate che esattamente la metà dei consumatori Oreo separa il biscotto dalla crema e lo mangiano separatamente…   Io personalmente intero e con due morsi! 😀 E voi come li mangiate?

Comunque ecco a voi la mia ricetta:

unnamed (2)

Ingredienti:

4 confezioni da 6 biscotti Oreo

3 confezioni di Philadelphia classica da 250 gr

3 uova

1 tazza di Zucchero

4 cucchiai di Burro

Estratto di vaniglia

In una ciotola tritate 12 biscotti interi con 2 cucchiai di burro fuso.

unnamed (4)

400_Tortiera apribile - diam. 28 cm 5178_unstretchedFoderare il fondo di una tortiera apribile con il composto ottenuto cercando di renderla della stessa altezza su tutta la circonferenza. (aiutatevi con il palmo delle mani 😉 )

Con una frusta elettrica battere le 3 confezioni di philadelphia con 1 tazza di zucchero e 3 uova intere. Aggiungete quindi un cucchiaino di estratto di vaniglia e versate il composto sulla vostra tortiera.

Infornate quindi a 200° per 30 minuti circa o comunque finchè inserendo un coltello nel centro della torta questo non uscirà completamente pulito.

Nel frattempo tritate i biscotti che vi sono rimasti, ( tutti tranne 2/3 con cui decorare la torta alla fine ) con altri due cucchiai di burro fuso. Con questi decoreremo la parte esterna della cheesecake.

Una volta sfornata la torta, lasciatela freddare un pò, poi armatevi di santa pazienza e di una buona spatola e cominciate a spolverare i biscotti tritati su tutti i lati e sulla parte superiore cercando di far aderire bene.

Completatela con i 2/3 biscotti interi che vi sono avanzati e se volete con un ciuffetto di panna montata qua e la.

Ecco la mia! Che ve ne sembra?

unnamed (3)

Vi lascio come sempre a qualche idea rubata nel web per utilizzare gli Oreo in altre deliziose ricette.

Alla prossima!

with love

J.

79eac0508353187e6b31b5b7d9fe7f3e4e199a2939c1d1e3bb093ffe3726e297960652e3bd2a8133dc5f9b3e3d720305 85af06f5a4174ed04054acc5a94da12d