Una splendida Cheesecake salata…

unnamed

Se avete letto la presentazione di chi sono e come ho iniziato a cucinare in “About me”, saprete già che amo cucinare soprattutto i dolci… la mia passione più grande, la precisione della cucina, dove quel grammo in più o il verso in cui si gira il composto fanno la differenza in una torta…

Poi è arrivato mio marito e… nonostante i miei continui… “assaggi questo muffin? una fettina di torta? senti se è abbastanza dolce la crema?” la sua predilezione per il salato mi ha fatto arrendere all’evidenza, anche se per colazione non manca mai una crostata, un plum cake o qualche muffin per evitare biscotti con olio di palma o merendine varie! 🙂

E se utilizzassi le mie basi di pasticceria per inventare un piatto SALATO ( grrrrr ) ?

E da qui è nata l’idea di questa meravigliosa Cheesecake salata.

Presentazione di un dolce, sorpresa nel gusto e facilità nella realizzazione, vi serve altro per provare a realizzarla?

La decisione degli ingredienti è stata semplicissima… cosa ho in casa? e chi non ha scatolette di tonno per un esercito in dispensa? A casa nostra non mancano mai, così come i pomodori secchi o la pasta di acciughe, sempre utili per qualche antipasto sfizioso per le cene con gli amici! E la philadelphia, che a quanto pare è uno dei pochi formaggi che posso mangiare ora che sono incinta! ❤ ❤ ❤

Pochi ingredienti e poco tempo da dedicare, ma un risultato strepitoso ve lo garantisco! 😉

unnamed (4)Ingredienti:
2 confezioni di Philadelphia da 250 gr

2 scatolette di tonno da 120 gr

Crackers Tuc 250 gr

50 gr di burro fuso

Pasta d’acciughe q.b.

Pomodori secchi q.b.

Olive taggiasche q.b.

Procedimento:

Mixare i crackers con il burro fuso fino ad ottenere un composto compatto.

Foderare il fondo di una tortiera apribile con il composto ottenuto cercando di renderla della stessa altezza su tutta la circonferenza. (aiutatevi con il palmo delle mani 😉 )

unnamed (1)

In un recipiente unire il tonno ben sgocciolato, la philadelphia e la pasta d’acciughe e mischiare il tutto con un frullatore ad immersione per rendere il tutto spumoso ed omogeneo.

unnamed (2)

Adagiare la spuma sui crackers e infornare a 200° per circa 10 minuti per compattare meglio il tutto.

Sfornare, lasciar raffreddare e aprire la tortiera.

Tagliare finemente i pomodori secchi e le olive taggiasche, unirle e coprire tutta la superficie della vostra Cheesecake.

unnamed (3)

E voilà!

unnamed (4)

With love!

Annunci

Vellutata di broccoli, pancetta e pecorino

unnamed

Ingredienti:
un mazzo grande di broccoli

1 vaschetta di pancetta affumicata in dadini

pecorino q.b.

500 ml di latte

2 fettine di pane in cassetta

1/2 scalogno

sale, pepe, olio, aceto balsamico e prezzemolo q.b.

 

Procedimento:

Dividete il mazzo di broccoli in cimette e mettetele a bollire in abbondante acqua salata.

unnamed (1)Nel frattempo, dedicatevi al soffritto di scalogno, una volta cotto toglietelo e nello stesso olio saltate i dadini di pancetta.

Una volta pronti, scolateli in un pò di carta da cucina per eliminare l’olio in eccesso e metteteli da parte per guarnire il piatto successivamente.

Fate saltare nell’olio rimasto i broccoli già lessati e aggiungete sale e pepe q.b.

A metà cottura aggiungere il latte e riducete in vellutata il tutto con il frullatore ad immersione.

Continuate la cottura a fuoco lento per circa 15/20 minuti.

Tagliate il pane in cassetta in striscioline, condite con olio e aceto balsamico e infornate fino a doratura.

Impiattamento:

unnamed (2)

Avete mille opzioni per impiattare la vostra vellutata e dedicarle una foto per il vostro album di cucina…

Ecco la mia versione:

Versate la vellutata in un’apposita ciotola, creare una prima riga con la pancetta e poi una seconda con il pecorino, un giro di olio e guarnite con due striscioline di pane abbrustolito e una fogliolina di prezzemolo.

 

 

E vi lascio come sempre con le altre idee rubate sul web per avere delle alternative:

607fc71e19a4e2deaf8632d90617eb6a e9d9cdb3e784bf6524faf3d8e0bac946dd4ec17ecd908c53ba9bd116948551cb d594b8776d299dfa4dc49996912c3dca 99638adea7ce05e173426d0803bf324f2355e227f0816892cf34999704c37320

With love!

Muffin de zanahorias y nueces

muffins

Tengo que confesar algo… a mi me encantan las galletas que compro al supermercado…

pero…

el problema es que no son muy sanas como para comerlas todos los dias y sobretodo que he acostumbrado a mi esposo tener casi siempre algo de cocinado para la hora del desayuno! 😀

Entonces, buscando algo diferente, saludable y rico he encontrado esta receta super buena y rapida en casa de mi mamà que quiero compartir con vosotros!

Muffins de zanahorias y nueces picadas! 

ñam ñam! 😉

Ingredientes:

  • 2 tazas de azúcar
  • 1/2 taza de aceite de maiz
  • 4 huevos batidos
  • 2 tazas de harina
  • 2 cucharaditas de levadura royal ( o 1/2 bolsita de levadura pane degli angeli)
  • 2 cucharaditas de canela
  • 1 taza de nueces picadas
  • 3 tazas de zanahorias ralladas

Precalienta el horno a 180°.

Taminaza la harina con la levadura y la canela en un recipiente.

En otro bol, mezcla el aceite de maiz con el azúcar y añade los huevos batidos.

Ralla las zanahorias y las incorporas a la mezcla y luego las nueces picadas.

Mezcla todod los ingredientes en un bol.

Rellena los moldes hasta aproximadamente 2/3 partes de su capacidad y metelos al horno.

Los muffins estarán listos aproximadamente en 15-20 minutos.

Si quieres, puedes ponerles un topping o cobertura de queso y azúcar, como si fueran cupcakes! 😀

With love!

Una tira l’altra… le Polpette!

33f6473066401c75f7bc7ae2ca284b01Ormai si sa, mangiare al ristorante è diventato un terno al lotto e non si sa mai cosa ti arriva nel piatto. Meglio preferire i Ristoranti che si conoscono bene piuttosto che andare a provarne di nuovi. 😉

La crisi purtroppo ha toccato tutti e il food è l’unico campo che all’apparenza sembra non esserne stato nemmeno sfiorato… ma purtroppo è solo apparenza! E’ vero che le persone continuano a spendere molti soldi per mangiare, a casa o al ristorante, per cucinare e per iscriversi a corsi di cucina, ma è pur vero che la materia prima costa, i prezzi sono aumentati e lo “spreco” è ridotto al minimo. E per spreco intendo avanzi della cucina, prodotti in scadenza o addirittura già scaduti ecc… e purtroppo i ristoratori, fortunatamente non tutti, ma solo quelli non proprio seri, ci pensano due volte a buttare un pesce non freschissimo o una carne che pensano si possa riciclare in un piatto di polpette che avrà talmente tanto condimento da risultare persino buono… 😦

Infatti chi ama le polpette, tanto quanto me, si sarà sentito ripetere mille volte la fatidica frase: “Sei matto a prendere le polpette al ristorante, chissà che ci mischiano dentro!”

lilly e il vagabondo polplupin polpette

E finisce che non le mangi mai, anche se diciamocelo. sono davvero squisite, bianche o rosse, perfettamente tone o leggermente schiacciate, con il purè, con della semplice insalata o con una salsa particolare… L’unica cosa importante è la genuinità e la freschezza degli ingredienti e la giusta proporzione tra questi! 🙂

Questo weekend ne avevo proprio voglia e ho rispolverato una vecchia ricetta che in quanto a proporzioni e metodo di cottura le batte tutte.

A voi la mia versione delle Polpette:

Ingredienti:

polp41/2 Kg di macinato

2 uova intere

3 fette di pane casareccio o in cassetta tipo Americano

1/2 etto di Parmigiano (io consiglio sempre il migliore Parmigiano Giansanti Di Muzio www.giansantidimuzio.it ) che trovate da Eataly

Latte qb

Prezzemolo a piacere

Noce moscata, Sale e Pepe qb

Procedimento:

Tagliare la crosta del pane per utilizzarne solo la mollica e bagnare nel latte. pane

Strizzare bene la mollica e impastare con tutti gli altri ingredienti in ordine: macinato, uova, mollica, prezzemolo, parmigiano, noce moscata, sale e pepe.

Quando l’impasto diventerà omogeneo e compatto iniziate a formare le polpettine.

polp3

Ovviamente più sono piccole e più tempo ci vuole a formarle, ma meno tempo ci vuole a cucinarle! 😉

Fate scaldare bene la padella, aggiungete l’olio e quando sarà ben caldo aggiungete le polpette. Fatele dorare per bene sul primo lato e poi giratele, avendo cura di non romperle.

polp2

Quando saranno dorate anche sul secondo lato abbassate il fuoco al minimo, chiudete con il coperchio e lasciate che si cucini per bene anche l’interno. Con questo procedimento avrete la croccantezza esterna data dal primo fuoco alto e la morbidezza interna data dal secondo fuoco leggerissimo.

Il risultato sarà fantastico ve lo assicuro!

polp1

Scegliete il contorno che preferite e sbizzarritevi con la presentazione!

Vi lascio con qualche idea rubata qua e la sul web!

imp10 imp7imp6imp9 imp3downloadimp8    imp4imp5   imp2

Alla prossima e fatemi sapere il risultato!

With love

Oreo Cheesecake

Non credo abbia bisogno di presentazioni il biscotto più venduto al mondo…

Oreo-image-oreo-36701976-900-600

Ebbene si, sembra sia addirittura il prodotto alimentare più venduto al mondo dopo il Big Mac del McDonald’s! Cosa che ha sorpreso anche me, ma non per il biscotto Oreo, piuttosto per il Big Mac… incredibile! :O

Il primo Oreo è stato preparato nel 1912 a New York e da quel momento non abbiamo più smesso di sentirne parlare e di gustarlo nelle varie oreopresentazioni create negli anni cercando di ottenere finalmente la perfezione.

Per essere perfetto infatti la casa produttrice Nabisco, sempre del gruppo Kraft, ha stabilito un’esatta proporzione tra biscotto al cioccolato e crema, rispettivamente 71% e 29%.6a00e008c9959888340167638f4761970b-500wi

E pensate che esattamente la metà dei consumatori Oreo separa il biscotto dalla crema e lo mangiano separatamente…   Io personalmente intero e con due morsi! 😀 E voi come li mangiate?

Comunque ecco a voi la mia ricetta:

unnamed (2)

Ingredienti:

4 confezioni da 6 biscotti Oreo

3 confezioni di Philadelphia classica da 250 gr

3 uova

1 tazza di Zucchero

4 cucchiai di Burro

Estratto di vaniglia

In una ciotola tritate 12 biscotti interi con 2 cucchiai di burro fuso.

unnamed (4)

400_Tortiera apribile - diam. 28 cm 5178_unstretchedFoderare il fondo di una tortiera apribile con il composto ottenuto cercando di renderla della stessa altezza su tutta la circonferenza. (aiutatevi con il palmo delle mani 😉 )

Con una frusta elettrica battere le 3 confezioni di philadelphia con 1 tazza di zucchero e 3 uova intere. Aggiungete quindi un cucchiaino di estratto di vaniglia e versate il composto sulla vostra tortiera.

Infornate quindi a 200° per 30 minuti circa o comunque finchè inserendo un coltello nel centro della torta questo non uscirà completamente pulito.

Nel frattempo tritate i biscotti che vi sono rimasti, ( tutti tranne 2/3 con cui decorare la torta alla fine ) con altri due cucchiai di burro fuso. Con questi decoreremo la parte esterna della cheesecake.

Una volta sfornata la torta, lasciatela freddare un pò, poi armatevi di santa pazienza e di una buona spatola e cominciate a spolverare i biscotti tritati su tutti i lati e sulla parte superiore cercando di far aderire bene.

Completatela con i 2/3 biscotti interi che vi sono avanzati e se volete con un ciuffetto di panna montata qua e la.

Ecco la mia! Che ve ne sembra?

unnamed (3)

Vi lascio come sempre a qualche idea rubata nel web per utilizzare gli Oreo in altre deliziose ricette.

Alla prossima!

with love

J.

79eac0508353187e6b31b5b7d9fe7f3e4e199a2939c1d1e3bb093ffe3726e297960652e3bd2a8133dc5f9b3e3d720305 85af06f5a4174ed04054acc5a94da12d

Gnocchi Homemade

Giovedì Gnocchi?

Per quanto mi riguarda anche lunedì, martedì, mercoledì vanno benissimo!! 😀

gnocchi3

Ingredienti:

700 gr patate
farina 00 q.b. (circa 200 gr)
1 uovo
sale q.b.

gnocchi

Procedimento:

Cuocere le patate al cartoccio per circa 45 min, quando ancora calde sbucciarle e schiacciarle.

gnocchi2
Farle intiepidire ed aggiungere l’uovo e la farina.
Lavorare l’impasto delicatamente e formare dei “salami”, tagliarli con una spatola a formare gli gnocchi.
Riporre gli gnocchi su un vassoio infarinato.
Gli gnocchi cuociono più o meno 2/3 minuti
( praticamente appena tornano a galla sono pronti ) 😉
Bon appétit!
fd0d2-img_2549
J.

Risotto alla Carbonara

Già mi immagino la faccia dei Romani, di quelli veri, fino in fondo al cuore, di quelli che la Carbonara è sacra e non esistono rivisitazioni…

Datemi un’opportunità please… provate questa ricettina che ho imparato al corso di cucina Coquis (di Roma tra l’altro…) e fatemi sapere se non pensate anche voi che la Carbonara, con la pasta o con il riso è pur sempre la numero uno! 😉

E’ semplice, veloce e da non tralasciare per importanza se avete una cena potete preparare in anticipo il riso e terminare la preparazione al momento dell’arrivo degli ospiti! Oltre a regalare uno show cooking di tutto rispetto, farete un figurone con un piatto decisamente creativo, bello da vedere e ovviamente da leccarsi i baffi ( per chi li ha! 😛 )

unnamedIngredienti per 4 persone:

280 gr di riso carnaroli

160 gr di guanciale ( se lo sostituirete con la pancetta…beh non fatemelo sapereeeee!! 😀 )

60 gr di pecorino romano

4 tuorli (uno a testa… un piatto non proprio leggerissimo… ma meglio così, non dovrete occuparvi di un secondo troppo elaborato! 😉 )

olio extra vergine d’oliva

sale – pepe nero

Preparate un brodo vegetale e tenetelo caldo.

Nella pentola dove cucinerete il risotto fate prima rosolare il guanciale tagliato a striscioline.

Togliete il guanciale dalla pentola e mettere da parte. Ora fate tostare il riso nel grasso del guanciale.

Una volta tostato il riso, aggiungetevi gradualmente il brodo vegetale girando continuamente. Continuate fino a cottura e poco prima salare e pepare.

Togliete il risotto dal fuoco e mantecare con olio extra vergine d’oliva e metà del pecorino.

A questo punto potete concentrarvi sulla preparazione del piatto:

IMG_2824

Mettete il risotto su un piatto fondo, fate una piccola fossetta nel centro e adagiarvi il tuorlo di uovo. Spolverate con il restante pecorino, un pizzico di pepe e guarnite con il guanciale croccante.

IMG_2829Adesso tocca al vostro ospite… per mangiarlo come si deve dovrà mescolare il risotto rompendo il tuorlo e amalgamando così tutti gli ingredienti!

Idea: Se non vi piace l’idea del tuorlo crudo potete optare per scaldare il piatto pronto nel microonde per qualche secondo!

(della serie non ci sono scuse per non mangiare questa delizia!!! )

Buon appetito a tutti, Romani e non!

J.