Assenza più che giustificata…Welcome Greta!

Eh si mi auto giustifico per aver abbandonato il mio blog a Natale…ma direi che la mia piccola Greta è una dolcissima giustificazione!!!

Mentre scrivevo il mio ultimo articolo sull’albero di Natale avevo un bel pancione e già fantasticavo sul prossimo dicembre insieme a mio marito e alla nostra bimba… chissà se sarà davvero come si vede nei film, nei video e nei sogni… chissà se tornerà quella magia che circondava le giornate quando eravamo piccoli, chissà se i nonni questa volta eviteranno di discutere, chissà se ci sveglieremo quella mattina ancora più felici! Mamme ditemelo voi… È possibile essere più felici di così? È davvero possibile essere più felici del giorno in cui è nata?

Da quando è nata Greta ho cercato di imparare l’unico lavoro al mondo che nessuno ti può insegnare, tranne quella piccola creatura che ti arriva tra le braccia quando tu hai ancora paura di non essere pronta! Esatto, solo lei può insegnarti come essere una brava mamma e sta a te riconoscere i suoi insegnamenti. A volte è un pianto diverso dal solito per dirti che non vuole semplicemente mangiare o essere cambiata, ma ti avverte che c’è qualcosa di diverso dal solito…

Credo di aver imparato molto in questi mesi e sono grata di aver avuto un’ insegnante cosi paziente, quindi grazie amore mio e continua cosi perché stai facendo un ottimo lavoro!

Nel frattempo ho rispolverato vecchi libri di cucina, vecchi appunti di corso di cucina e sono prontissima per mettermi ai fornelli e rendervi partecipi di tutte le novità!

Nel frattempo vi lascio sbirciare qualche foto dei dettagli che hanno reso il battesimo della mia piccola ancora più speciale… anche se primo tra tutti rimarrà aver potuto metterle lo stesso vestito con cui sono stata battezzata io più di 30 anni fa…

 

Oreo Cheesecake

Non credo abbia bisogno di presentazioni il biscotto più venduto al mondo…

Oreo-image-oreo-36701976-900-600

Ebbene si, sembra sia addirittura il prodotto alimentare più venduto al mondo dopo il Big Mac del McDonald’s! Cosa che ha sorpreso anche me, ma non per il biscotto Oreo, piuttosto per il Big Mac… incredibile! :O

Il primo Oreo è stato preparato nel 1912 a New York e da quel momento non abbiamo più smesso di sentirne parlare e di gustarlo nelle varie oreopresentazioni create negli anni cercando di ottenere finalmente la perfezione.

Per essere perfetto infatti la casa produttrice Nabisco, sempre del gruppo Kraft, ha stabilito un’esatta proporzione tra biscotto al cioccolato e crema, rispettivamente 71% e 29%.6a00e008c9959888340167638f4761970b-500wi

E pensate che esattamente la metà dei consumatori Oreo separa il biscotto dalla crema e lo mangiano separatamente…   Io personalmente intero e con due morsi! 😀 E voi come li mangiate?

Comunque ecco a voi la mia ricetta:

unnamed (2)

Ingredienti:

4 confezioni da 6 biscotti Oreo

3 confezioni di Philadelphia classica da 250 gr

3 uova

1 tazza di Zucchero

4 cucchiai di Burro

Estratto di vaniglia

In una ciotola tritate 12 biscotti interi con 2 cucchiai di burro fuso.

unnamed (4)

400_Tortiera apribile - diam. 28 cm 5178_unstretchedFoderare il fondo di una tortiera apribile con il composto ottenuto cercando di renderla della stessa altezza su tutta la circonferenza. (aiutatevi con il palmo delle mani 😉 )

Con una frusta elettrica battere le 3 confezioni di philadelphia con 1 tazza di zucchero e 3 uova intere. Aggiungete quindi un cucchiaino di estratto di vaniglia e versate il composto sulla vostra tortiera.

Infornate quindi a 200° per 30 minuti circa o comunque finchè inserendo un coltello nel centro della torta questo non uscirà completamente pulito.

Nel frattempo tritate i biscotti che vi sono rimasti, ( tutti tranne 2/3 con cui decorare la torta alla fine ) con altri due cucchiai di burro fuso. Con questi decoreremo la parte esterna della cheesecake.

Una volta sfornata la torta, lasciatela freddare un pò, poi armatevi di santa pazienza e di una buona spatola e cominciate a spolverare i biscotti tritati su tutti i lati e sulla parte superiore cercando di far aderire bene.

Completatela con i 2/3 biscotti interi che vi sono avanzati e se volete con un ciuffetto di panna montata qua e la.

Ecco la mia! Che ve ne sembra?

unnamed (3)

Vi lascio come sempre a qualche idea rubata nel web per utilizzare gli Oreo in altre deliziose ricette.

Alla prossima!

with love

J.

79eac0508353187e6b31b5b7d9fe7f3e4e199a2939c1d1e3bb093ffe3726e297960652e3bd2a8133dc5f9b3e3d720305 85af06f5a4174ed04054acc5a94da12d

Hai già taggato le tue delizie #cookyoursecret ?

Instagram… la mia passione!

Con una semplice foto posso raccontare la mia cucina, i miei viaggi, i momenti più felici!

IMG_2629 IMG_9011IMG_5578

c47ebb3e74b74f2454c4152f12ddf5f5

Le foto ti aiutano a raccontare, a ricordare e a non dimenticare!

Le ho sempre amate, da piccola spendevo quasi tutta la mia “paghetta” per svilupparle, per comprare le cornici con le quali riempire le pareti della mia cameretta… Rivivevo grazie a loro i momenti più importanti, quelli che mi regalavano un sorriso al risveglio e una sensazione di serenità al momento della buonanotte!

La cosa più interessante è accorgerti 48ff0eff145a2624a5107ea4262114c2negli anni come cambia il tuo stesso gusto, la percezione della bellezza… non so se capita solo a me, ma provate a guardare una vecchia foto, ritrovate la sensazione che provavate al momento dello scatto e accorgetevi di quanto sia cambiata oggi dentro di voi! Incredibile! 🙂

Oggi fortunatamente ho capito il significato delle parole “goditi il momento” e lascio alla fotografia il momento successivo…

una volta fatto mio… lo immortalo! ❤

Purtroppo con i piatti che preparo non posso aspettare troppo, altrimenti non trovo più nulla da fotografare!!! 😀 quindi poco prima di iniziare, mentre aspetto di sfornare e soprattutto poco prima di servire scatto una fotografia, la stessa che poi amo condividere con voi ed ascoltare i vostri suggerimenti.

IMG_4231IMG_0403IMG_2629

Da qui è nata l’idea di #cookyousecret … Ho voluto creare un tag solo nostro, solo per chi ama la cucina tanto da condividere con noi il suo segreto tra i fornelli… per poter dare più visualizzazioni a chi magari sta ancora sperimentando Instagram e non sa come rendere giustizia alle proprie foto o semplicemente solo per racchiudere tutte le meravigliose colazioni che preparate ogni giorno con fantasia… i pranzetti dieteteci in preparazione all’estate che riuscite a preparare senza perdere il gusto e la creatività… e le cene pensate, elaborate e realizzate con vero amore ( e si vede!) .

IMG_4694 Processed with VSCOcam with g3 preset IMG_5046

Quindi… se non fate già parte di questo meraviglioso mondo di appassionati della cucina “homemade with love” e vi va di condividere con noi i vostri ingredienti segreti basta taggare le vostre foto #cookyoursecret !

With love!

J.

“Amore è quando ti lascia l’ultimo Macaron rimasto”

IMG_4272Uno dei regali più belli che ho ricevuto a Natale?

Una mini scatolina…un’insolita e buffa scatolina che, visto il peso, era ovviamente vuota,ma che in realtà conteneva qualcosa di speciale…non il solito regalo tra amiche, ma quel tipo di regalo che se avessi potuto mi sarei scelta da sola e che sicuramente avrei suggerito a chiunque… insomma il regalo perfetto per me!

Ed eccomi al corso di cucina sui Macarons! Appena tornata da Parigi mi unnamed (2)sembra perfetto per ritrovare l’emozione di quel viaggio, quei sapori indimenticabili e quel sorriso che solo città come questa riescono a stamparti sul viso…

La scena è la seguente: io, mia madre che si è aggiunta non appena ha saputo del corso, una signora sui 70 e un’altra sui 50; lo chef Benedetto Patti e due assistenti aspiranti pasticcere.

Ma cosa rende davvero unico questo biscottino che ha fatto impazzire il mondo intero? Sui social network non esiste profilo che non ne abbia almeno una foto… specialmente se della Maison Ladurée, IMG_4305con quelle scatoline che renderebbero splendidi anche i nostri “brutti ma buoni”. 🙂 Sicuramente la sua caratteristica principale è il collarino di pasta leggermente sfrangiato che gli attribuisce quel non so che di regale; da non sottovalutarne poi la superficie perfettamente liscia e quei suoi colori pastello che ti conquistano a prima vista.

Che ne dite di provare a seguire i consigli dello chef e provare a farli a casa?

IMG_4366Ingredienti:

200 gr di farina di mandorle

200 gr di zucchero a velo

80 gr di albume d’uovo ( più o meno 3 albumi di uova medie)

altri 80 gr di albume d’uovo

coloranti alimentare idrosolubili

200 gr di zucchero semolato

75 gr d’acqua

Con questi ingredienti potrete formare più o meno 25 macarons (quindi 50 biscottini da unire)

Mettete nel mixer farina di mandorle e zucchero a velo setacciato.

IMG_4515Unire la prima dose di albume e mescolare con forza cercando di ottenere una pasta liscia. Aggiungere quindi il colorante scelto e mettere da parte.

Prepariamo quindi la meringa all’italiana:

in un pentolino inseriamo l’acqua con lo zucchero semolato e far arrivare alla temperatura di 115°C senza mai mescolare. (per questa fase è necessario un termometro da cucina)

Nel frattempo semi-montare l’altra parte di albumi in planetaria. Ottenuta la temperatura desiderata, versare l’acqua con lo zucchero sugli albumi semi-montati e continuare a montare fino a quasi raffreddamento.

Unire 1/3 della meringa alla pasta di mandorle che avevamo messo da parte, in questo modo si diluirà leggermente, a questo punto unire anche la restante meringa, amalgamando sempre con cura (dal basso verso l’alto) per non smontarla. Questa fase è detta macaronage.IMG_4518

Il composto è pronto! Prendete quindi una sac a poche, riempitela e formate su carta da forno ( se non avete gli appositi silpat -> nella foto accanto vedete le due opzioni) dei cerchi regolari di 3,5 cm circa di diametro cercando, il più possibile, di farli tutti uguali.

IMG_4525Lasciate la teglia pronta a riposare a temperatura ambiente per almeno un’ora. Questo fase è detta croutage ed è essenziale per rendere i vostri biscotti croccanti in fase di cottura e per evitare che si screpolino senza formare il loro tipico collarino. !!!

Infornate poi la vostra teglia a 140°C per 15 min circa con forno ventilato. (ma come ricordo sempre, attenzione perchè ogni forno è differente eIMG_4533 la cottura può quindi variare anche di qualche minuto!)

Lasciar raffreddare i gusci prima di staccarli. !!!

E voilà! I vostri primi Macarons sono pronti!

IMG_4545

Non vi resta che scegliere il ripieno…

Se preferite la ricetta della crema cioccolato bianco e rhum contattatemi tranquillamente! 🙂

Enjoy Macarons!unnamed (1)